Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / Basket, al Pala Calafiore la Viola centra il tris

Basket, al Pala Calafiore la Viola centra il tris

basket_pallone-b

di Gianni Tripodi – Devastante Viola! I nero arancio di coach Fantozzi affondano il mal capitato Pescara (99-78) nella quarta giornata del campionato di DNB e conquistano così,

nella “prima” stagionale al Pala Calafiore, la terza vittoria consecutiva. Era la sfida tra i due migliori attacchi del girone C:  85.3 punti a partita per il Pescara e 83.6 per la Viola, ieri pomeriggio però, ha deluso non poco la prestazione offensiva degli abruzzesi, disorganizzati e poco precisi in fase conclusiva(26/61). Ci si aspettava di più da una squadra che nell’ultimo turno ne aveva realizzati 108 nella gara vinta all’overtime contro il Palestrina dell’ex Lorenzetti. Di ritorno a casa, tra le mura amiche del Pala Calafiore rimesso a nuovo, la Viola diverte e dà spettacolo, coach Fantozzi può così godersi  la “sua” creatura. L’attacco nero arancio cresce in modo esponenziale giornata dopo giornata, difesa a tratti da rivedere, ma che è riuscita a limitare, soprattutto nella prima frazione di gioco, il miglior attacco del girone a soli 12 punti in 10 minuti di gioco. Grande soddisfazione in casa Viola per essere riusciti a superare brillantemente la falsa partenza in terra capitolina, la squadra ha cominciato ad ingranare e con il roster al gran completo si può solo che migliore. Contro il Pescara i nero arancio hanno tirato con il 63% dal campo, implacabile Sereni sotto canestro, 24 punti con l’83% da due (10/12) e 10 rimbalzi e la guardia romana Grilli, un cecchino dalla lunga distanza (6/10, 60%) con 23 punti finali. Note negative: alcune banali palle perse di Grasso e compagni durante il periodo di max vantaggio, causate da un momento di rilassatezza e qualche ingenuità in fase difensiva. Con questa vittoria la Viola si porta a 6 punti in classifica assieme a Rieti e Martina Franca, due soli punti di distacco dalla capolista Agrigento che è a punteggio pieno. Prossimo impegno domenica 23 in trasferta a Bisceglie.
DNB girone C – 4° giornata
LIOMATIC VIOLA RC – PALLACANESTRO PESCARA   99-78
Parziali: 25-12, 48-32, 69-53, 99-78
Arbitri: Radaelli Roberto di Vanzago (MI) e Foti Daniele Alfio di Vittuone (MI)
LIOMATIC VIOLA RC
Sereni 24, Grilli 23, Caprari 16, Paparella 15, Gambolati 8, Cappanni 4, Grasso 4, Potì 3, Coronini 2
Coach: Fantozzi Alessandro
PALLACANESTRO PESCARA
Mlinar 19, Pepe 12, Grimaldi 10, Grosso 9, Comignani 8, Di Carmine 8, Maino 8, Diener 4
Coach: Razic Vidak
Nell’esordio al Pala Calafiore, sulle note di “Are you ready for this”di Jock Jams, famosissima colonna sonora del film “Space Jam” con Michael Jordan, coach Fantozzi conferma il quintetto che ha ottenuto due vittorie nelle ultime due giornate: Paparella, Grilli, Caprari, Sereni e Gambolati. Primo quarto:  L’avvio dei nero arancio è da sogno, quattro punti di Sereni e tripla di Caprari, paziale di 7-0 e Viola subito avanti a condurre l’incontro. E’ Mlinar a segnare i primi due punti per Pescara, l’attacco reggino è strepitoso, arrivano due triple consecutive di Grilli e Paparella e un bel canestro di Caprari dalla media distanza, 13-2, il pubblico comincia già ad esaltarsi. Sereni è immarcabile sotto le plance, altri quattro punti per lui, per Pescara è solo l’ex Catanzaro Mlinar ad impensierire una difesa reggina impenetrabile. Paparella segna allo scadere dei 24”, +15 Viola, Gambolati facile da sotto, Pescara corre in contropiede e approfitta di qualche errore dei nero arancio per riportasi sotto, 21-10 a 2 minuti dal termine. Pressing asfissiante degli abruzzesi, ancora l’argentino Paparella a trovare altri due punti. Gambolati stoppa la conclusione di Camignani, Pepe a segno, 23-12, ed è ancora +11 Viola, Paparella allo scadere della prima frazione trova il canestro del 25-12. Secondo quarto: Subito l’allungo in avvio con Sereni ed + 15 per i padroni di casa, altra stoppata, stavolta è il capitan Grasso a bloccare la conclusione di Grosso, azione personale di Paparella che porta i padroni di casa sul +17. Pescara fa fatica a trovare il canestro e in difesa soffre, non poco, la furia reggina, Coronini serve Grasso che dalla media distanza realizza il +19, è una Viola devastante, Paparella con la tripla del 34-12, +22 Viola, max vantaggio. Gli abruzzesi segnano solo dalla lunetta con i liberi realizzati da Di Carmine, Coronini servito da Caprari, non ci sono pause, il ritmo è velocissimo. Pescara riduce il gap, Di Carmine dalla media e Grimaldi dalla lunetta, -16. C’è l’esordio casalingo del giovane Laganà e quello assoluto del nuovo centro Cappanni, canestro e fallo di Gambolati, 39-20, il pubblico sugli spalti gradisce lo spettacolo. Cappanni subisce fallo e dalla lunetta fa 2/2, antisportivo fischiato a Caprari, Grosso realizza i liberi, -18. I lunghi a segno, da una parte Cappanni in gancio e dall’altra Mlinar con l’appoggio. Bel gioco a due tra Coronini e Sereni con quest’ultimo a segno, tripla di Grilli che fa saltare in piedi i tifosi, 48-29, Maino allo scadere per il 48-32 e si va all’intervallo. Terzo quarto: “Bum Bum” Caprari supera splendidamente la difesa abruzzese in penetrazione e appoggia, Pescara corre in contropiede per tentare di ridurre lo svantaggio, Mlinar da sotto, risposta fulminea della Viola che non sta a guardare, tripla di Grilli, 53-34, anche Grimaldi trova la tripla, -16. Paparella segna da sotto ben servito da Caprari, Di Carmine appoggia in contropiede, un Grilli in gran serata prima infila la tripla e poi realizza i liberi dalla lunetta, 61-42. Altra tripla, stavolta di Caprari che vale il nuovo +20, Grosso si carica la squadra sulle spalle e firma un parziale di 4-0 in un amen per il -16, ma è sempre lui, il romanaccio Grilli con 5 punti di fila a tenere gli ospiti a distanza,  69-48. Quarto quarto: Tripla di Potì, 72-53, il Pescara non si ferma, Maino segna e subisce il fallo, -16. E’ Grilli show, tripla della guardia romana che allontana la timida rimonta ospite, +17. Pescara tenta una disperata rimonta, break di 5-0 firmato Di Carmine e Comignani, ci pensa il solito Caprari a togliere le castagne dal fuoco con una penetrazione a canestro, 80-66. Gambolati da sotto e Sereni dalla lunetta, ultime speranze per Pescara con Pepe, tripla, e canestro da sotto con fallo, -14. Il veterano Caprari per il 90-76, Sereni è devastante sotto le plance, altri due punti per il lungo nero arancio, tripla di Gambolati, Comignani ad accorciare, finisce 99-78, la Viola affonda il Pescara e conquista la terza vittoria consecutiva.