leoricci
di Gianni Tripodi –
Questa mattina alle ore 12 presso il Pianeta Viola è stato presentato il neo acquisto nero arancio Leo Ricci ,che questo pomeriggio (ore 18) contro Bari, farà il suo esordio in canotta nero arancio. Grande lavoro svolto dalla società di via Pio XI per far si che Ricci potesse scendere subito sul parquet, in particolare dal segretario Tito Messineo che si è occupato di sbrogliare il complicato iter burocratico in tempi record. L’addetto stampa della Viola, Federica Morabito, apre la conferenza di presentazione del nuovo acquisto: “Per la Viola è un momento abbastanza positivo, è prima in classifica e parteciperà alle prossime Final Eight, il problema degli infortuni di Ruggeri, che tornerà in campo tra un paio di settimane e il lungo stop di Cavalieri hanno fatto si che la società si muovesse sul mercato e così si è arrivati all’ingaggio di Leo Ricci”. Prende la parola il patron Muscolino, che già conosceva il nuovo acquisto per via dell’esperienza alla Cestistica Gioiese: “In estate ci ha dovuto lasciare perché ha avuto una bambina ed è dovuto tornare accanto alla moglie, ci siamo detti però che un giorno chissà, forse…”. Prosegue raccontando come si è arrivati alla conclusione dell’affare: “Il tutto si è realizzato prima di quanto ci aspettavamo, sono contento del suo acquisto, dovendo trovare un’alternativa a Cavalieri, lui ci è sembrato la persona più adatta che potesse sin da subito integrarsi col gruppo”. Poi si esprime su Ricci: ”Lo conosco bene e so che mette sempre in campo il massimo, è un ragazzo straordinario, grintoso, a volte forse troppo (ride ndr) sarà una scommessa vincente, la persona più adatta per l’idea di squadra che abbiamo in mente”. Infine tiene a precisare: “Ad inizio anno non abbiamo detto che vinceremo il campionato, ci siamo prefissati l’obiettivo di costruire una squadra e ricostruire una società lavorando giorno dopo giorno. Oggi siamo primi, siamo contenti di questo, ma vogliamo continuare ad andare avanti un passo per volta”. Non dello stesso avviso il direttore generale Condello: “Speriamo che Leo ci aiuti a vincere il campionato”, scenetta simpatica con il patron Muscolino: “Non lo state a sentire (ride ndr)”. Il dg nero arancio ci tiene a presentare il nuovo acquisto: “E’ un ragazzo che l’anno scorso a Gioia ha fatto bene, la scelta è caduta su di lui per diversi motivi. C’erano delle altre soluzioni, forse più importanti, ma alla fine è prevalsa la scelta di prendere Leo in quanto è un giocatore che può dare tantissimo, conosce il coach e i suoi metodi di lavoro, è la scelta migliore”. Continua soffermandosi sull’operato della dirigenza: “Al di là dei risultati sportivi la società sta lavorando bene a 360 gradi su quelli che sono stati gli obiettivi posti all’inizio dell’anno, ha voluto fare un ulteriore sforzo economico in un momento difficile per la pallacanestro nazionale per aggiungere una pedina importante alla squadra”. La parola passa a coach Fantozzi: “Quando si è fatto male Cavalieri la società ha cercato diverse soluzioni, l’aspetto più importante era quello di far arrivare un giocatore che si potesse integrare con il gruppo il prima possibile. Quando c’è stata la possibilità di chiudere con Ricci abbiamo pensato che fosse la soluzione migliore in quanto è già stato un mio giocatore e conosce il mio lavoro”. Il coach continua descrivendo le caratteristiche tecniche della nuova guardia/ala: “E’ un giocatore che fa dell’aggressività una dote importante, mi piace avere una squadra aggressiva soprattutto in difesa. Ha un buon tiro dal perimetro e uscendo dai blocchi, è quello che ci mancava”. Anche il team manager Lorenzo Mazzitelli vuol dire la sua: “Sono andato a prenderlo ieri mattina, mi sembra un ragazzo solare e credo che si possa integrare perfettamente con il gruppo che lo ha accolto splendidamente. Sono contento del suo arrivo, in assenza del “Cavalla” ci può dare la spinta giusta”. Mazzitelli sembra avergli già trovato un nuovo soprannome: “Lo chiamerò giannizzero per le sue grandi doti di tiratore, benvenuto giannizzero”. Infine la parola passa al protagonista della giornata, Leo Ricci: “Non ho molto da dire, per prima cosa voglio ringraziare la società per avermi considerato. Forse ho sbagliato ad andare giocare a Sassari, anche se eravamo primi in classifica non mi trovavo bene, son contento di tornare qui dove conosco già i dirigenti”. Conclude: “L’obiettivo è quello di aiutare la squadra per andare avanti, non si può sostituire un giocatore come Cavalieri, lui è unico, come lo sono io, cercherò di mettermi subito a disposizione della squadra”. Questo pomeriggio alle ore 18 farà il suo esordio contro Bari, per lui la canotta numero 14. Conosciamo meglio Leo Ricci. Dopo l’avventura dello scorso anno con la Cestistica Gioiese durata solo un anno e terminata con la sfortunata sconfitta nella finale playoff contro il Battipaglia, Ricci in estate ha firmato con l’Edera Sassari, squadra di serie C dilettanti. In Sardegna ha disputato solo 13 gare mettendo a referto 12 punti a partita con il 50% da due e il 30% da tre, con un season high di 27 punti realizzato contro il Frascati. Nel suo ultimo incontro giocato con la maglia giallo viola ha segnato 16 punti contro la Sam Basket Roma, queste inoltre le sue statistiche nelle sue più recenti avventure:  17.6 punti in 26 gare disputate con la Cestistica Gioiese la scorsa stagione e 12.3 punti con Massafra nel 2008/2009, l’argentino ha anche giocato a Canicattì, Catanzaro, Ragusa e Vigevano senza dimenticare l’esperienze nel campionato argentino.