La Viola,almeno sul campo,è salva. I neroarancio,contro Fabriano,hanno spezzato la serie nera che durava da ormai otto partite e hanno centrato la matematica permanenza in Legadue con due giornate di anticipo. I contenuti tecnici della gara potrebbero risultare fittizi a fronte dell'importante traguardo centrato,ma è evidente come a fare la differenza alla fine siano state le maggiori motivazioni della squadra di casa.La gara ha evidenziato una formazione,quella reggina,determinata e concentrata nel mantenere sempre la testa avanti con vantaggi quasi sempre rassicuranti e nemmeno la buona giornata dell'ex di turno (Giovacchini)ha messo in difficoltà Rugolo e compagni. Mattatore della serata,manco a dirlo,è stato Joe Bunn che si è ormai assestato al primo posto fra i giocatori della Lega per valutazione. Il parzialone che ha chiuso la gara è arrivato a metà della terza frazione dove la formazione di casa ha scavato un solco di oltre venti punti fra se e la squadra marchigiana.Risorse importanti sono arrivate dalla panchina e un'ulteriore nota positiva è rappresentata dal minuto regalato al diciassettenne Yasakov sul finire della gara.Maestranzi ha rimediato invece una distorsione alla caviglia che verosimilmente lo costringerà a salutare anticipatamente questa stagione cestistica. Negativa è stata invece la risposta del pubblico che,nonostante la politica degli ingressi gratuiti,non ha superato le duemila presenze in un palazzo che ne può contenere almeno cinque volte tanto. Si sa però che Reggio Calabria è avvezza a ben altri livelli e che per far tornare l'entusiasmo in una piazza esigente come quella reggina occorre programmare un futuro ambizioso,che in questo momento nessuna componente societaria è in grado di promettere.

Tabellino: Maestranzi 5, Rugolo 2, Lestini 13, Ferrara 4, Bunn 24, Sciutto 3, Williams 10, Yasakov, Mladjan 17, Soloperto 4.