Tra le mura amiche lo Sporting Locri, al debutto in casa, non riesce a far sorridere il suo pubblico, accorso numero all’evento. Una partita che si è presentata, comunque, come una

grande manifestazione sportiva che ha riunito centinaia di tifosi e gente venuti da tutto il comprensorio per vedere la prima in A, traguardo straordinario raggiunto dallo Sporting.
Non era sicuramente questa la partita per la conquista dei primi tre punti in casa Armeni, perché di fronte al temibile Real Statte di Taranto l’impresa era ardua. A vedere il primo tempo, però, non sembrava così impossibile. Lo Sporting Locri è riuscito a “contenere” la forza tarantina, tenendo testa per tutto il primo tempo e per quasi metà del secondo. Sette le reti delle ospiti a dispetto dalla sola delle amaranto a segno con la ritrovata Antonella Corio, la stessa che, avrebbe potuto tenere in equilibrio il match se solo non si fosse fatta espellere.
La cronaca: Le ospiti iniziano subito forti, decise a far bottino pieno, le locali tengono bene il campo e l’urto salentino. A sbloccare il risultato ci pensa la Convertino che al quarto gela Ceravolo, all’undicesimo il Real Statte raddoppia sfruttando un ottimo contropiede e segna con Moroni.
Il Locri però resta sempre in partita ma non riesce a pungere per come vorrebbe ma conquistando fallo su fallo arriva un tiro libero che la rientrante Antonella Corio segna dando nuova verve al match. Poco dopo altro tiro libero per il Locri che però questa volta finisce a lato. Grande occasione persa per il Locri di pareggiare l’incontro in quanto dopo è solo grazie alle ottime parate di Ceravolo e all’imprecisione sotto porta delle locresi che il primo tempo si conclude sul 2-1 per le ospiti tra gli applausi del numero pubblico.
Nel secondo tempo dopo 2 minuti lo Statte trova il gol grazie ad un errore amaranto e mette la partita in tranquillità, Sabatino e compagne però danno tutto e tengono la partita sempre in procinto di riaprirla, nel momento in cui mister Armeni sistema la squadra per un maggior forcing succede il fatto che cambia la partita, Antonella Corio viene espulsa dall’arbitro “per gesti offensivi” , fatto grave che mette in grossa difficoltà le locali.
In 3 il Locri prova a chiudere gli spazi ma è solo l’inizio dell’apoteosi tarantina. Seguiranno le reti di Moroni per ben 2 volte, D’Ippolito e ancora Convertino, da registrare che sul 4-1 per le vice-campionesse d’Italia, piccolo lumicino di riaccendere il match ma Minciullo si fa parare il calcio di rigore da Margarito.
Alla fine, festa finale Statte, “ma chissà che partita avremmo visto se non ci fosse stata l’espulsione di Corio” – si commenta negli spogliatoi.
Il commento di mister Armeni: “A fine primo tempo ho detto alle mie che ero davvero contente di loro, tenere testa allo Statte in questo modo non era facile e si intravedeva anche qualche lumicino di impresa, peccato che nel momento in cui potevamo tenere la partita abbiamo perso Corio. Lo Statte è un’ottima squadra che lotterà per il campionato noi sappiamo quale è il nostro obiettivo e ci proveremo fino alla fine a conquistarlo”.

SPORTING LOCRI: Ceravolo, Lizzi, Sabatino I, Sabatino A, Minciullo, Agostino, Corio, Manciullo, Taverniti, Zavettieri, Babuscia. All. Armeni

ITALCAVE REAL STATTE: Margarito, Della Corte, Blasi; Russo, Dipierro, Convertino, D’Ippolito, Nicoletti, Bianco, Marangione, Moroni, Castellano. All. Marzella.

ARBITRI: Panebianco (Acireale) e Brischetto (Acireale)

MARCATRICI: pt 3’ 32’’ Convertino (S), 8’ 37’’ Moroni (S), 15’ 04’’ Corio (tl L); st 1’ 12’’ Moroni (S), 9’ 01’’ Moroni (S), 14’ 55’’ Moroni (S), 15’ 45’’ autorete di Sabatino I. (S), 18′ D’Ippolito (S)

NOTE: ammonite D’Ippolito, Nicoletti e Moroni (S); Sabatino A., Taverniti (L)
Espulsi:: Marzela (S) e Corio (L) per proteste e somma di ammonizioni
Spettatori: 500 circa  di cui una cinquantina provenienti da Statte