La Reggina, nei prossimi giorni, avrà un incontro con Roberto Cevoli. Le parti sono destinate a salutarsi con reciproca soddisfazione per l’anno svolto.

Ma è già iniziata la caccia al suo successore.

Dopo aver sottolineato, ieri, come Pierino Braglia sarebbe il nome più caldo, occorre mettere in evidenza che questo dipende dal fatto che che sul tecnico del Cosenza non c’è molto margine temporale per riflettere.

Ha un accordo sulla parola con i silani, ma le prospettive messe in campo dalla Reggina  ossia budget da top club di Serie C (forse anche oltre) e un ingaggio importante dovranno essere pareggiate dalle garanzie di Guarascio che, intanto, è convinto di averlo in pugno.

La Reggina ha in mano una rosa di nomi, tutti caratterizzati, per qualche motivo, dal pedigree importante.  Ad esempio, in serata, il noto esperto di mercato Alfredo Pedullà, tifoso amaranto, ha raccontato come nei pensieri amaranto sia in evidenza il nome di Stefano Colantuono, confermando l’indiscrezione lanciata da Rnp nel pomeriggio.

Non un tecnico di categoria, ma un allenatore con spessore tale da garantire un ciclo vincente a lungo termine.  La Reggina del prossimo anno sarà una corazzata e più che un alchimista, servirà un tecnico di carattere e un gestore del gruppo.

E’ lo stesso motivo per il quale Serse Cosmi rappresenta un altro profilo ideale che viene valutato.

Più indietro, invece, c’è Mimmo Toscano. L’allenatore reggino, specialista in promozioni, non vedrebbe lora di legarsi alla squadra di cui è tifoso. Al momento pare il nome più tiepido, non perché sia l’ultimo in ordine di preferenza, ma paradossalmente perché appare il più raggiungibile.