E’ una Reggina un po’ più serena quella che si approccia alla sfida che lunedì alle 14.30 la vedrà affrontare la Virtus Francavilla.

Messa alle spalle la questione fideiussione con il successo al Tfn e scongiurata la penalizzazione di otto punti, può iniziare un altro campionato.   Un “boost” non da poco che si aggiunge ai quattro punti ottenuti nelle ultime due uscite.

Una sfida, quella di lunedì,  dal sapore particolare e non solo perchè si giocherà allo stadio ‘Luigi Razza’ di Vibo Valentia, seconda casa degli amaranto per questa stagione in attesa che venga sbloccata la situazione al Granillo.

L’avversario è guidato da Nunzio Zavettieri.  Il tecnico, reggino dell’area grecanica, non ha mai nascosto la sua fede amaranto.  I pugliesi sono un osso duro e rappresentano il primo banco di prova di un doppio turno casalingo (si fa per dire, dato che si giocherà a Vibo) che potrà spiegare dove questa Reggina può arrivare.

L’altro match in calendario è quello con la Juve Stabia che, fino ad ora, ha fatto benissimo in campionato.   Livelli differenti e difficoltà crescente per la squadra di Roberto Cevoli, ma un punto in comune.

Ad allenare le vespe, infatti, c’è Fabio Caserta da Melito Porto Salvo.      Tifoso amaranto anche lui, jonico anche lui.

Nessuno dei due, com’è nell’ordine delle cose, potrà fare sconti alla squadra che ama tanto e  per la Reggina si tratterà di una doppia prova che potrebbe raccontare molto su quello che potrà essere il ruolo che gli amaranto potranno recitare in questo campionato.