“I veri eroi di mercoledì? I nostri tifosi!” Umberto Gerosa non ha dubbi e dopo la vittoria della Conad Lamezia in gara 2 a Leverano (domenica alle 18 a Pianopoli lo spareggio decisivo per salire in A2) elogia i tifosi lametini al seguito della squadra in salento

“Meritiamo, così come d’altronde lo merita anche Leverano, di chiudere al meglio questa stagione ma noi abbiamo l’obbligo morale di riscattare la brutta prestazione di domenica scorsa e di regalare quindi una grande gioia ai nostri tifosi. I veri eroi di mercoledì sera sono stati loro, quei tifosi venuti fino a Leverano per sostenerci, nonostante la figuraccia che avevamo fatto solo 3 giorni prima. I veri MPV della gara sono stati loro che si sono fatti sentire per tutta la partita nonostante il pubblico avversario fosse ovviamente numericamente sovrastante. È soprattutto per loro che domenica dobbiamo fare risultato.”

Quanto al campo il doppio incontro ravvicinato con i pugliesi ha sicuramente insegnato qualcosa a Gerosa e compagni

“Non siamo abituati a giocare contro squadre così forti. Il campionato, a parte in alcune occasioni, non ci ha permesso di testarci con squadre tanto valide e abbiamo spesso finito per adattarci all’avversario, non giocando necessariamente come sappiamo. Ora abbiamo di fronte una squadra tosta ma che abbiamo dimostrato di poter battere. Per farlo anche domenica però – continua il “regista” della squadra – dobbiamo giocare al massimo e rimanere sempre attaccati alla partita, non abbassare mai la guardia e giocare ogni pallone come fosse quello decisivo. Quando giochiamo così siamo fastidiosi per chiunque. Lo siamo stati mercoledì, recuperando alla grande una gara cominciata decisamente male, lo saremo anche domenica. Indipendentemente da cosa farà Leverano, che verrà a Pianopoli per vender cara la pelle, noi dobbiamo soprattutto pensare a ciò che dovremo fare noi e a farlo nel migliore dei modi.”

Al palleggiatore, tra i più esperti del gruppo, con tanta serie A e qualche play-off già giocato alle spalle, spetta spesso in campo anche il compito di chioccia con i più giovani ed inesperti compagni

“Dall’alto di una leggera esperienza in più rispetto ad altri  – conclude  Gerosa – mi tocca spesso fare da mediatore in alcune situazioni. Sono cresciuto sentendomi dire che il palleggiatore deve essere anche colui che dà la carica quando serve e che mantiene la calma se è necessario, quindi ci provo. Anche domenica serviranno carica, indispensabile per raggiungere l’obiettivo, e calma, necessaria invece per fare le cose come si deve. Non vogliamo fallire e sono certo che giocheremo una grande partita.”