Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina-Picerno, da Toscano appello alla gente amaranto: ‘Serve la stessa spinta vista contro Catania e Catanzaro, noi siamo sul pezzo’

Reggina-Picerno, da Toscano appello alla gente amaranto: ‘Serve la stessa spinta vista contro Catania e Catanzaro, noi siamo sul pezzo’

La Reggina, dopo la vittoria sul Monopoli, è subito chiamata al turno infrasettimanale con la favola Picerno. 6000 abitanti e, al momento, un ottimo rendimento in Serie C.

“Il Picerno è una squadra – rivela Toscano – che rimane sempre in partita, anche quando ha perso. Sono equilibrati, concedono pochi spazi. Difendono in blocco, in fase di possesso ha due-tre concetti che esprimo bene. La partita ha tutti i presupposti per non essere facile. Poi quando si gioca in maniera così ravvicinata tra un impegno e l’altro devi pensare a reuperare le energie, mettere subito alle spalle ciò che è stato pochi giorni prima. Abbiamo dimostrato di saperlo fare in passato e dobbiamo ripeterci senza sottovalutare l’avversario”.

“In questo campionato – prosegue Toscano – non ci saranno partite facili. Ho una squadra di ragazzi che sta sul pezzo. Ad oggi prestazioni sotto la media non ne abbiamo fatte. A volte ci è riuscito di vincere, a volte no. Faccio un appello alla gente: noi siamo sul pezzo, vorrei che anche la gente lo sia e vorrei la stessa spinta che ho visto contro Catanzaro e Catania. Domani sera ci servono anche contro il Picerno”.

A Monopoli Toscano ha scelto una squadra offensiva nonostante l’avversario: “Scelgo in base a ciò che vedo. Ero convinto che prima o dopo la vittoria in trasferta sarebbe arrivata. Cosa può fare un allenatore? Dai un segnale che te la puoi andare a giocare per dare consapevolezza al gruppo. Non è stato quello, perché la squadra ha ottenuto una vittoria contro una squadra in salute che era reduce da cinque vittorie e un solo pareggio (a Bari). Questo gruppo può ancora migliorare”.

Al momento De Francesco non sembra al top nell’intensità: “Secondo me sono le sue caratteristiche. Messe nel nostro contesto, però sono importanti, perché gli altri non hanno la stessa qualità nella gestione della palla. Altri, invece, danno più impatto fisico. Lui tornerà utile a questo gruppo con il suo modo di giocare. Non so ancora quali saranno le scelte per la gara contro il Picerno. Non ho avuto il tempo. Domani mattina faremo un risveglio e trarrò le mie conclusioni a pranzo”.