Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Gallo: ‘Roma mia ti sfido, riporto la Reggina in Serie A: abbiamo tre milioni di tifosi nel mondo’

Gallo: ‘Roma mia ti sfido, riporto la Reggina in Serie A: abbiamo tre milioni di tifosi nel mondo’

Nell’ampio ed elegante ufficio del presidente Luca Gallo nella sede della M&G, il massimo dirigente amaranto è stato intervistato dal giornalista Piero Torri de “Il Romanista“.

Dopo aver raccontato delle proprie origini, il presidente Gallo ha descritto il suo amore per la Roma, da quando frequentava la Curva Sud a quando si ritrovò in mezzo ai tafferugli in occasione di una gara con l’Atalanta.

La Roma a cui sono più legato? “La risposta è facile, quella degli anni ’80 che mi ha fatto crescere con il mito del gol di Turone, quella che vinse lo scudetto regalandomi una delle gioie più grandi della mia vita”.

Il Fenomeno? “Farcao, bisogna dirlo alla romana. Mi ricordo ancora quello gol al Gotemborg di Cerezo con Farcao che fu decisivo senza mai toccare il pallone”.

Sulla finale di Coppa Campioni persa ai rigori? “Piansi come un bambino, papà provò a consolarmi ma senza riuscirci”.
Ha pianto altre volte per la Roma? Si, ma sono state lacrime di felicità, in occasione della gara vinta con il Barcellona”.

Hai mai pensato di acquistare la Roma? “No, i numeri non possono che sconsigliarmelo”.
E la Reggina? “Ero ad un passo dall’acquisto della Sambenedettese, ma le cose andavano a rilento, mi dissero c’è la possibilità di acquistare la Reggina e ho chiuso con la società calabrese. Un gesti d’amore verso la terra dei miei genitori”.

Obiettivo? “Riportare la Reggina in A, ci riusciremo. A Reggio Calabria la squadra è una specie di rivalsa sociale, in giro per il mondo ci sono tre milioni di tifosi reggini”.

CLICCA QUI PER SCARICARE L’ARTICOLO