Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, Toscano mette le cose in chiaro: ‘Ora conta solo la Vibonese, non siamo ancora al massimo’

Reggina, Toscano mette le cose in chiaro: ‘Ora conta solo la Vibonese, non siamo ancora al massimo’

C’è un Mimmo Toscano che, seppur in maniera simpatica, stoppa tutti quanti provano a parlare di turn over, impegni ravvicinati, scontri diretti e partite sentite come quelle contro il Catania.

La sua parola d’ordine è Vibonese.

“La partita di Bari – ha evidenziato –  l’abbiamo già messa alle spalle. Questo è una squadra e un gruppo che prende le partite per acquisire consapevolezze e migliorare. Il nostro pensiero si è rivolto subito alla partita contro la Vibonese. Una verifica importante con il nostro pubblico e nel nostro stadio. La squadra ha lavorato bene senza recriminare su ciò che è avvenuto”.

“L’analisi sul match – ha proseguito – è avvenuta indipendentemente dal risultato, abbiamo visto dove potevamo fare meglio. Stanno creando un entusiasmo incredibile, ma quando esco ho l’impressione non veda l’ora di venire a vedere la Reggina. Questa è una cosa bella, gratificante però bisogna incrementare ed alimentare questa cosa attraverso il lavoro quotidiano”.

L’alternanza tra Bellomo e Sounas per il tecnico non rappresenta un cambio del sistema di gioco:”Non cambia il sistema di gioco. Cambia la caratteristica dei calciatori che utilizzo. La posizione è sempre la stessa, la puoi variare a seconda delle caratteristiche del giocatore che metti in campo e di quella che potrebbe essere la partita.  Lo stiamo facendo senza variazioni o pagare dazio per i cambiamenti. Ho un gruppo di ragazzi di un certo livello, con qualità diverse messe al servizio della Reggina. Domani sarà una partita diversa rispetto a quella di Bari e dovremo essere bravi a interpretarla subito bene.

Sguardo al prossimo avversario:”Modica fa sempre giocare bene le proprie squadre. Lo conosco da tanto tempo. Nelle ultime gare ha cambiato qualcosina nell’atteggiamento, non nei concetti. Nella fase non possesso è diventato un po’ più equilibrato, da tanto tempo non lo vedevo mettere le sue squadre dietro la linea della palla. Il calcio di oggi ti impone questo, ma in fase di possesso hanno determinate idee. E’ un allievo di Zeman e nei concetti è cambiato poco”.

La Reggina ,per Toscano, non ha ancora espresso il massimo: “Per me c’è da migliorare, questa squadra ha altro potenziale che non abbiamo visto tutto. Ancora qualcuno non ha offerto il proprio contributo per varie situazioni: magari per la condizione, magari per la conoscenza di quello che stiamo facendo, qualcuno per qualche infortunio. Speriamo di vedere Rivas, Paolucci, Doumbia dare il proprio contributo. In questo l’espressione totale del potenziale non è avvenuta. E’ nei dettagli che dobbiamo fare meglio perché é lì che matura la differena. A Bari non abbiamo vinto per un dettaglio, mentre nelle altre partite abbiamo vinto per un dettaglio che ha incanalato la partita in un certo modo”.

Spesso in panchina nella Reggina finiscono giocatori importanti”Tutti sanno che siamo un gruppo di livello alto. Le mie scelte dipendono dalla partita precedente, dalla settimana di lavoro e dall’avversario che ci aspetta. E’ normale che ci siano delle variazioni per chi, come noi, punta sull’intensità. I ragazzi lo sanno e mi mettono in difficoltà prima della partita”.

E sulle scelte di domenica: “Ho dubbi in attacco e in un elemento del centrocampo. Non  penso al turn-over, questa è la partita più importante”.

Problemi per Denis e un altro elemento della rosa”Prima della partita di Bari ha avuto un intoppo. Ha un problema muscolare, non vogliamo rischiarlo e stiamo cercando di capire quando potrà tornare in gruppo. Il ragazzo è tranquillo e noi siamo tranquilli di averlo nel più breve tempo possibile. Rolando ha avuto un problemino e non credo sarà della partita”.