Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Giacchetta: ‘Reggina, te la puoi giocare, Bertoncini top. Sono un reggino emigrato al nord, Reggio mi manca’

Giacchetta: ‘Reggina, te la puoi giocare, Bertoncini top. Sono un reggino emigrato al nord, Reggio mi manca’

Simone Giacchetta nell’ambito di un’intervista rilasciata a Vai Reggina del canale ufficiale della società amaranto ha toccato vari argomenti.

Il ds dell’Albinoleffe, storica bandiera amaranto, ha parlato del girone C.

“Il campionato di Serie C, più precisamente il girone C, è  – ha evidenziato – un campionato avvincente per le prime posizioni. Per il vertice lottano 4-5 cinque posizioni con il Bari che ha maggiore fascino sugli altri per le potenzialità economiche e per il tipo di giocatori che ha preso. La Reggina la vedo al livello di Catania, Ternana e Catanzaro. Alla lunga verrà fuori anche il Teramo. Loro possono impensierire una superpotenza come il Bari, fermo restando che l’impatto della Reggina è ultra-positivo.

Parole lusinghiere per il gruppo di Toscano: “La squadra è stata allestita da una ds e da un allenatore che è un profondo conoscitore del campionato. La rosa è omogenea, ha doppioni in ogni ruolo e può scegliere sempre una formazione dal rendimento molto alto. Il campionato è difficile, ma la conoscenza che ha il tecnico è importante”.

Parole al miele anche per il presidente Gallo:”Credo che la Reggina e Reggio Calabria debbano ringraziare il presidente Gallo. Il suo ingresso in maniera dirompente ha fatto dimenticare gli ultimi anni. In pochi mesi ha riportato l’entusiasmo, il valore della storia, della tradizione e l’importanza di essere amaranto.

Inevitabile chidersi quale giocatore amaranto gli piaccia di più: “Se mi chiedi qual è un giocatore meno appariscente agli occhi del tifoso, ma secondo me molto importante in questa categoria io vedo Bertoncini come un giocatore importantissimo. La rosa è attrezzata in tutti i ruoli e in tutti i reparti”.

Poi uno sguardo agli altri gironi”Il Monza è il favorito nel girone A , nel girone B ci sarà una lunga volata a più squadre  per vincere, nel girone C non sempre la squadra con i giocatori strapagati riesce a vincere. Abbiamo visto contro la Reggina quanto il Bari abbia fatto fatica, la classifica attuale ci dice che è già in sofferenza nonostante i soldi investiti.  La Reggina ha meno perdere rispetto al Bari e si è visto al San Nicola come gli amaranto, almeno nel primo tempo, abbiano dettato legge.

Spazio anche ai sentimenti: “Reggio Calabria mi manca tantissimo. E’ stata la città nella quale sono cresciuto sia calcisticamente che umanamente. Mi sento un reggino emigrato che sta al nord. Torno sempre volentieri a casa, mi manca il clima ed il calore delle persone amiche”.