Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, Marin sa come si fa: ‘Vincere sarà durissima, Mimmo Toscano ha postato una foto su WhatsApp…’

Reggina, Marin sa come si fa: ‘Vincere sarà durissima, Mimmo Toscano ha postato una foto su WhatsApp…’

Merlo, Vincioni, Poli... inizia così la formazione tipo dell’ultima Reggina che vinse il campionato di Serie C nel 1995 .

Il numero sette era Mimmo Toscano, il numero sei era Maurizio Marin che oggi fa il direttore sportivo.

Scherza, ai microfoni di Buongiorno Reggina su Reggina Tv,  quando  gli chiedono cosa gli evoca quella formazione. “Sembra -scherza –  una squadra di avanzi di galera, perché dietro eravamo dei delinquenti patentati. A parte le battute, mi vengono in mente tanti ricordi. Ancora con molti di loro ci sentiamo o ci incontriamo sui campi. Sono sempre emozioni forti”.

E’ una Reggina che, al momento, sembra avere una difesa forte come quella:”La fase difensiva comincia dagli attaccanti. Mimmo lo sa bene, so il suo pensiero, so come allena e come giocano le sue squadre. Lui imposta la difesa con tutta la squadra, con pressing e chiusure difensive”.

“Noi  – prosegue –  eravamo amici. Non avevamo paura di niente, entravamo in campo e spaccavamo tutto. Allo stadio venivano dieci-quindicimila persone e mi pare si stia creando lo stesso entusiasmo. Toscano ha postato su WhatsApp la foto della squadra che guarda la curva.

E poi sspazio all’attualitù: “La Reggina ha una squadra molto competitiva. Questo è un anno pieno di corazzate, basta che guardi le formazioni di Bari e Ternana. Il Bari ha giocatori minimo di Serie B, sulla carta sono fortissime. Dopo ci sta sull’outsider o il Catania che va a Potenza e becca due pere. Bisogna avere continuità e l’appoggio di tutti nei momenti che non vanno”.

E cita un esempio risalente al tempo:”Noi venivamo da sei-sette vittorie consecutive.  Abbiamo perso 1-0 con una squadra di scappati di casa. Tanti fattori come un episodio possono cambiare l’andamento di una partita. In quei frangenti è determinante restare tutti uniti. Vincere il campionato quest’anno è durissima, perché è pieno di squadre forti come ad esempio il Catanzaro, il Potenza, il Teramo stesso. Anche se la Reggina vince una partita 3-0, ogni partita è un’altra storia.  Lunedì vai a Bari e non sai come va a finire, lì come con l’ultima in classifica”.