Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina: De Francesco o Altobelli per la mediana, esterno destro e punta, ma occhio alle uscite

Reggina: De Francesco o Altobelli per la mediana, esterno destro e punta, ma occhio alle uscite

La Reggina vuole fare le cose per bene. L’obiettivo è allestire una squadra che non soffra di complessi di inferiorità con nessuna rosa.

Al momento, a dire il vero, giusto il Bari può vantare una rosa superiore per “nomi”. Il curriculum dei calciatori a volte, però, non basta a ottenere i risultati.

Basta fare l’esempio del Catanzaro. I titoli dei calciatori nella rosa di Auteri (inteso come campionati vinti) sono sensibilmente inferiori a quelli che può proporre l’organico amaranto, ma i giallorossi partono dalla stessa base dell’anno scorso (terzo posto), a cui proveranno ad aggiungere ulteriore qualità e questo, pur con una rosa inferiore, li pone nel giudizio immediatamente dopo ai galletti.

La Reggina conosce le difficoltà del torneo e pertanto sa che, ad esempio, nell’organico manca qualcuno che possa giocare davanti alla difesa e lo possa fare con qualità.  De Rose e Salandria, in questo momento, sono accreditati per giocare in quella posizione, sebbene possano starci anche Sounas e Bianchi.

Nessuno di loro ha doti da regista puro, inteso come giocatore in grado di lanciare lungo o verticalizzare subito con qualità.

Ecco, perché nelle ultime ore gli amaranto stanno accelerando per qualcuno che occupi quella posizione. Altobelli della Salernitana è il primo obiettivo, sul quale la Reggina si è avvantaggiata su tutta la concorrenza.

Nei giorni scorsi si è raccontato di un contatto per De Francesco che non è fantacalcio, ma semplicemente il calciatore, come si ricorderà, può giocare da regista, ma la sua posizione naturale è quella di mezz’ala e non di mediano davanti alla difesa come Altobelli.  Per cui la scelta, tra i due, potrebbe dipendere anche da quello

In uscita a centrocampo c’è sicuramente Zibert e, dovesse arrivare un altro calciatore, Marino potrebbe finire altrove.

Si lavora ancora sull’esterno estro dove Laverone e Tait restano i nomi più caldi, mentre per la punta bisogna aspettare e occorrerà farlo ancora. Si vuole puntare su un nome molto forte e si sta aspettando di capire quali occasioni darà il mercato.