Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina – Strambelli per il piano B di Toscano?

Reggina – Strambelli per il piano B di Toscano?

Bellomo e Strambelli non si toccano”. Il diktat della maggior parte dei tifosi, al momento, sembra chiaro.

La tifoseria non vedrebbe di buon occhio l’eventuale cessione dei due talenti baresi, considerato che nell’ultima stagione, seppur in maniera discontinua, hanno rappresentato il prototipo del giocatore che, negli ultimi anni, a Reggio Calabria era mancato: quello del funambolo che da un momento all’altro può risolvere la partita.

I due, salvo sorprese, dovrebbero andare in ritiro e, al momento, Taibi ha detto chiaramente che partirebbero soltanto se lo chiedessero o se una società dovesse presentarsi con un’offerta importante.

A Strambelli si era avvicinato il Catanzaro di Auteri , ma al momento non c’è stata prosecuzione di quella che è stata forse solo un’idea delle aquile.

Attualmente c’è il rischio che Strambelli possa essere considerato un giocatore superfluo per la Reggina.

L’idea, almeno sotto il profilo tattico, parrebbe sbagliata, sebbene l’arrivo di Sounas sembra quasi prendere il posto che sarebbe potuto essere suo in qualità di mezzala più offensiva del 3-5-2.

Sounas è un giocatore che può giocare anche mediano, innanzi tutto, ma occorre precisare che il campionato si gioca con  venti-ventidue calciatori, se si vuole stare ad alto livello.

E’ sbagliato però credere che Strambelli non possa tornare utile per eventuali nuove soluzioni tattiche.

Il talento barese, infatti, assicurerebbe a Toscano la possibilità di cambiare modulo con poche mosse

Una sorta di piano B per aprire diversamente difese che potrebbero essere arroccate e apparentemente inespugnabili.

Se Bellomo, infatti, può fare il trequartista o la seconda punta, Strambelli è una delle poche potenziali punte esterne che la Reggina ha.

Con lui si potrebbe facilmente passare dal 3-5-2 ad un tridente in cui Doumbia passa da seconda punta a esterno offensivo con l’ex Matera sul lato opposto.

Sono tutte considerazioni che Toscano sta facendo, perché, da perfezionista quale è, sa benissimo che serve avere tanti temi tattici offensivi per poter aspirare a posizioni di vertice in campionato.