Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Nasce la Reggina di Toscano: centrocampo, il punto e le strategie

Nasce la Reggina di Toscano: centrocampo, il punto e le strategie

La Reggina, nella prossima stagione, proverà a dotarsi di un centrocampo che abbia qualità e quantità.
Sembrano candidati a farne parti elementi come Zibert e Salandria che, al momento, sono sotto contratto e possono assicurare quell’apporto di dinamismo e pressing che non guasta mai.

Leggi anche: Reggina: da Daprelà a Marchi, la Gazzetta svela tutti gli obiettivi di mercato

Funzione simile, ma caratteristiche assai diverse sono per uno dei giocatori che sarebbe finito nel mirino degli amaranto.
Guido Davì del Gubbio è un interditore dal fisico da centravanti (quasi 190 cm) conosce il girone ed ha già lavorato con Mimmo Toscano alla Feralpi Salò.
In uscita sembra esserci De Falco e c’è da valutare la posizione di Roberto Marino che rischia di trovare poco spazio.

Leggi anche: Nasce la Reggina di Toscano: porta e difesa, il punto e le strategie

Presto si aprirà la caccia ad un regista che sappia far girare la squadra a dovere.
De Falco, invece, pare destinato a partire.

Leggi anche: Nasce la Reggina di Toscano: esterni di qualità e quantità cercasi, il punto e le strategie

La qualità tecnica di Bellomo e Strambelli non è in discussione, ma saranno determinanti le valutazioni del nuovo allenatore rispetto alla loro funzionalità nel proprio progetto tattico, anche se il loro modo di interpretare il ruolo di mezzala potrebbe essere una freccia importante per l’arco di Mimmo Toscano.

Strambelli, tra l’altro, ha dimostrato nella stagione appena conclusa che, all’occorrenza, ha piede e caratteristiche per agire da regista. Molto meglio di Bellomo, provato in quella posizione da Drago, e che ha necessità di stare molto più vicino alla porta.

Petermann, di rientro dal prestito alla Pistoiese, ha già le valigie in mano.