Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina: si prospetta un girone C infernale, ma sul tavolo c’è una proposta che potrebbe essere valutata

Reggina: si prospetta un girone C infernale, ma sul tavolo c’è una proposta che potrebbe essere valutata

E’ una fase in cui si stanno ancora giocando i play off di Serie C, pertanto il calcio non è ancora proiettato alla prossima stagione. Com’è noto si preferisce aspettare l’ultimo momento per programmare ciò che verrà.

Risulta, però, particolarmente chiaro che in Serie C rischia di concretizzarsi un qualcosa di anomalo, o meglio di inaspettato a certi livelli.

Il prossimo girone C di Serie C rischia di valere, in termini di pubblico, più della Serie B.

Questo, naturalmente, potrebbe suscitare un certo interesse da parte delle pay tv e determinare la presenza di tante sfide affascinanti destinate a richiamare grande pubblico.

A fare compagnia alla Reggina, infatti, ci saranno Bari, Palermo (in attesa di sentenza), Foggia, Catanzaro, Avellino.  A ciò potrebbe persino aggiungersi il Catania qualora non dovesse vincere i play off e la Salernitana che attende ancora una sentenza che confermerà la sua salvezza, dipendente dal ricorso dei rosanero.

Tutto molto bello. Peccato che rischia di diventare un campionato fatto di investimenti pesanti e dove vincere potrebbe diventare dieci volte più difficile.

Se ne è accorto il presidente dell’Avellino che, poco tempo, ha fatto sapere che lo squilibrio tra i tre giorni potrebbe consigliare una composizione diversa, anche per permettere a più club blasonati di avere la possibilità di accedere alla categoria superiore e dare maggiore respiro alle piccole del sud.

Persino a Terni temono di finire nel girone meridionale, aggiungendo un’altra squadra con grandi capacità di investimento al calderone delle potenziali corazzate.

Il presidente irpino Mauriello ha fatto sapere che proporrà a Ghirelli una decisione che possa comportare una spartizione differente dei tre gironi.

Si attende di capire cosa accadrà.