Massimo Taibi è stato ospite della trasmissione Fair Play Football condotta da Paolo Amedeo.

Il primo conto che gli è stato chiesto ha riguardato i risultati dei play off con l’eliminazione del Catanzaro:”Il calcio è questo. Le logiche possono essere stravolte, soprattutto ai play off. Il Catanzaro meritava di passare, poi però un episodio l’ha condannato. Quando ci sono giocatori importanti come Di Piazza accade che ti qualifichi, anche se il Potenza avrebbe meritato di passare sul Catania”.

Chiare anche le idee sugli obiettivi:”Dobbiamo cercare di creare una squadra importante in un campionato dove ci saranno tanti club di prestigio. L’anno prossimo chi sbaglia meno vince, il campionato sarà molto più livellato

C’è ansia di conoscere il nuovo allenatore: ‘Ancora devo parlare con Cevoli. Fino al 30 giugno è il nostro allenatore. Ho delle idee, ma voglio essere convinto al 100% della scelta che faremo. Il campionato è finito una settimana fa, non abbiamo fretta’.

Inevitabile chiedere come si lavorerà sul mercato: ‘La squadra, l’anno scorso, è stata costruita in due situazioni diverse. Non ci sono più liste, avremo più possibiltà di manovra. Cercheremo un attaccante da doppia cifra che è il minimo per una squadra di livello, poi proveremo a creare una spina dorsale esperta con portiere, difensore, centrocampista e attaccante’.

A Reggio è tornato l’entusiasmo: ‘Quando sono arrivato ho visto una partita con duemila spettatori. Mi è venuta la tristezza, il Granillo che conoscevo ero io altro. Con l’avvento di Gallo è stato più facile passare da duemila a quindicimila. L’arrivo del presidente è un miracolo per tutta la città’.

Gli si chiede se il nuovo allenatore potrà parlare reggino (Toscano ndr): “Tutto può succedere”.