Non sembrano esserci più dubbi sul fatto che Massimo Taibi resterà alla guida dell’area tecnica della squadra amaranto. Si attende di capire chi sarà eventualmente il responsabile del settore giovanile ed a cascata quali saranno i cambiamenti soprattutto nei quadri tecnici della prima squadra (ci sarà un nuovo allenatore) e delle formazioni del vivaio.

Nel frattempo, però, un vertice societario dovrebbe, nei prossimi giorni, dovrebbe ridisegnare l’assetto societario che si occupa di aspetti non legati al campo.

Il tutto dovrebbe avvenire in una riunione destinata a delineare le strategie anche in settori che esulano dal calcio giocato, viene ad esempio da pensare al marketing o alla gestione delle strutture, considerato che a breve la Reggina è destinata ad avere la responsabilità sia del centro sportivo S.Agata che dello stadio Oreste Granillo.

Si tratta del compimento della dichiarazione d’intenti fatta da Gallo già dal giorno della prima conferenza stampa ad Alta Fiumara, in cui aveva annunciato che la sua società avrebbe dovuto avere un organigramma ampio, essere reattiva al massimo per ogni esigenza e, soprattutto, lavorare per compartimenti stagni.

Il direttore generale Andrea Gianni, uomo di fiducia del presidente Luca Gallo, dovrebbe essere il regista della riorganizzazione, con la supervisione del patron sempre presente nei fatti che riguardano tutto l’universo amaranto.