Da quando Luca Gallo si è insediato al timone della Reggina il vento è cambiato. Reggio Calabria è tornata a riempire i gradoni del Granillo, conscia del fatto che adesso c’è un progetto all’altezza delle ambizioni di una piazza che sente stretta la Serie C.  Sensazione acuita dai numeri che l’impianto di Viale Galileo Galilei sta registrando negli ultimi tempi.

Leggi anche:  Reggio fa la voce grossa, c’è un’altra classifica in cui Gallo è stato decisivo

Adesso, però, è il momento di serrare le fila e se possibile dare la spinta decisiva alla squadra. Un messaggio chiaro quello inviato dal patron attraverso un tweet in cui si è detto felice della vittoria di ieri e si è augurato che i tifosi possano spingere la squadra.

La Reggina, attualmente, è padrona del proprio destino. Dovesse fare bottino pieno nelle prossime due partite, gli amaranto sarebbero certi di disputare i play off per la promozione in Serie B.

Davanti ci saranno due ossi durissimi: la Casertana, un’autentica corazzata che appare in ripresa e che ha giocatori in grado di risolvere da soli le partite, e la Vibonese, squadra difficilissima da affrontare al Razza.

La Reggina, però, può avere un’arma in più: il pubblico.  Al Granillo contro i campani si gioca il sabato di Pasqua, la società sembra orientata a mantenere prezzi popolari e considerato il periodo festivo si potrebbe andare ben oltre gli undicimila spettatori e i nove mila visti rispettivamente contro Catanzaro e Catania.

La settimana dopo, invece, si va a Vibo.  Un’ora di auto di distanza è destinata a non scoraggiare quello che potrebbe essere un vero e proprio esodo di sostenitori amaranto, pronti a far giocare tra le mura amiche anche a distanza i propri beniamini.

Il ritorno di Cevoli ha restituito il sapore della vittoria. La prestazione di Cava non è stata esaltante, ma ora servono i punti.

Bisogna pensare una partita per volta: considerato che all’ultima la Reggina avrà tre punti al tavoli contro il Matera potrebbe bastare anche vincerne solo una, ma occorre  puntare a fare bottino pieno.

Leggi anche: La situazione, il calendario e possibili sviluppi play off: tutto quello che c’è da sapere