“La partita da fare era questa. Siamo stati premiati, perché i ragazzi hanno messo il cuore oltre l’ostacolo. La partita fisicamente era dura da affrontare e ci siamo rifatti dell’andata”.

Roberto Cevoli, ai microfoni di Radio Antenna Febea, commenta così la vittoria della Reggina a Cava.

“A livello fisico – prosegue –  bisogna centellinare le forze. Qualcuno è un po’ indietro, bisogna portarli tutti allo stesso livello scegliendo sempre le persone che stanno meglio. Non abbiamo ancora fatto niente, ci siamo tolti un piccolo sassolino. Già da domani ci alleniamo e da sabato si torna in pista”.

Con sassolino Cevoli probabilmente non intendeva palesare qualcosa che assomigliasse a “rivalsa personale”, ma semplicemente l’aver superato una difficoltà nella strada peri i play of.

C’è uno dei suoi “uomini” tra i migliori in campo: “Franchini ha qualità fisiche non indifferenti. E’ un ragazzo che è cresciuto molto, ha doti sopra la media, ha futuro e deve ancora capire gli equilibri”.

E poi una rivelazione”Sognavamo il gol dell’ex di Martiniello al 90′. L’abbiamo sfruttato, è stato molto bravo. E’ entrato cattivo. C’è bisogno di tutti, quando meno se l’aspettano”.