E’ una Cavese che proverà a riscattare la sconfitta di Potenza, magari bissando il successo ottenuto contro la Reggina all’andata.

Stavolta si gioca in Campania e l’organico amaranto è profondamente cambiato.

Non a caso l’allenatore metelliano si è espresso con molto rispetto sull’organico amaranto.

Forse, però, è il caso che in casa amaranto si facciano gli scongiuri, tenuto conto che i toni assomigliano a quelli usati dal tecnico del Rieti Capuano e dal presidente della Sicula Leonzio Leonardi, entrambi poi vittoriosi con gli amaranto.

Adesso testa – ha detto ad Anteprima 24  – alla Reggina, una squadra fortissima. Poi ci concentreremo sulla prossima gara. Bisogna analizzare le situazioni che si generano sul campo. I calabresi hanno un organico che fa paura ma, allo stesso tempo, hanno anche qualche difficoltà. Recuperiamo ancora qualcuno, ma non penso di cambiare sistema di gioco, creerei solo confusione. Dobbiamo essere solo bravi a dare una reazione alla città e ai nostri tifosi.