Nella sua conferenza stampa di presentazione Luca Gallo aveva detto che si scusava in anticipo per l’impossibilità a non poter essere troppo presente a Reggio, dati i suoi impegni a Roma.

Ad oggi può essere considerata una piccola bugia. Il presidente, al momento, non ha saltato neanche una partita al Granillo e ogni volta che è arrivato in città è stato un ciclone di positività che ha travolto la città.

Lo si vede passeggiare tra la gente, mai sottrarsi a selfie con giovani e meno giovani o ad una stretta di mano.

Quando gli dicono “Grazie”, lui risponde “Grazie a voi” o “Grazie di cosa? Ancora non abbiamo fatto niente”.

Chi si aspettava un imprenditore che ha scelto Reggio in maniera fredda si sbagliava di grosso.  Come annunciato dal senatore Siclari, qualche settimana fa, sulla suo foto profilo Whatsapp campeggia il logo amaranto. Ma non solo.

Allo stadio ormai preferisce vestirsi d’ amaranto, con tuta e simbolo della Reggina bene in vista.

Attenzione, però, perchè nel corso della sfida contro il Catania c’è un particolare che non  è sfuggito. La cover del suo telefono ha già la griffe della Reggina.  E probabilmente si tratta di uno degli articoli che si potranno acquistare nello store di Piazza Duomo destinato ad aprire entro poche settimane e dove i lavori sono iniziati da ormai un mese.

 

Reggina-Catania è stata la sua partita. Quella in cui la sua squadra, in una sfida storica, ha incantato 10.000 cuori amaranto.

Esattamente ciò che si auspica di fare con regolarità.