Alfredo Pedullà domenica ha visto Reggina-Catania sugli spalti del Granillo.

Il celebre giornalista reggino, ospite di Momenti amaranto su Video Touring, ha parlato dell’atmosfera: “Sembrava una partita di altra categoria. C’era un’atmosfera di grande partecipazione, tanta gente. Adesso non c’è neanche più quel terreno di gioco che mi faceva venire la febbre anche quando stavo bene. La partita l’abbiamo trasmessa su Sportitalia e gli ascolti sono stati alti. Piazze come Catanzaro, Catania e Reggina devono uscire dalla C, mi auguro gli amaranto prima degli altri perché la fede non si nasconde.”.

Poi una rivelazione sul mercato di gennaio: “Ad un certo punto il mercato della Reggina era più interessante di quello di Inter, Milan e Juventus. Credo si sia lavorato bene e si sia seminato al meglio. Sono arrivati cinque-sei tasselli che mal che vada ti assicurano prospettive importanti per le prossime stagioni”.

Poi uno sguardo in prospettiva: ”Il DNA di Bellomo e Strambelli, oltre ad altri giocatori come loro, non li scopro certo io. Se la Reggina dovesse agguantare i play off diventerà un problema per gli altri, può essere una mina vagante grazie ad un livello tecnico sopra la media”.