“Tre punti punti importanti. Non so cosa aveva visto il guardalinee, per fortuna l’arbitro ha dato il gol”.

Nicola Strambelli commenta così, ai microfoni di Radio Antenna Febea,  la vittoria ottenuta dalla Reggina a Siracusa, propiziata dal suo gol che ha sbloccato una squadra impallata: “Se le partite pensiamo che devono finire tutte 0-4 sbagliamo. Sapevamo che il Siracusa era una buona squadra e avrebbe dato il 120%. Se non abbiamo fatto bene inizialmente è stato anche per merito loro. Dopo esserci sbloccati abbiamo fatto quello che sappiamo”.

“Ho scelto  – rivela – Reggio e la Reggina è stata veloce e inaspettata. Non c’era una trattativa, ne avevo altre con squadre con cui eravamo in uno stato più avanzato. Poi è arrivata la Reggina, ho scelto subito  e sono convinto di non aver sbagliato”.

L’avvento di Drago è anche coinciso con l’addio a Cevoli:”Ringrazio Cevoli, una brava persona e un bravo allenatore.

Inevitabile il racconto del gol, con dedica annessa:”Ci provo quasi sempre, per fortuna è andata bene. La dedica va a tutta la mia famiglia e a me che non ho mollato mai”.