Prima vittoria in trasferta per la Reggina e Cevoli è soddisfatto: “Devo fare i complimenti ai ragazzi per come hanno preparato la partita, con la tensione giusta e la cattiveria giusta. Nel primo tempo siamo stati attendisti, abbiamo rischiato poco e nella ripresa siamo venuti fuori.  Una volta andati in vantaggio abbiamo trovato spazi e possibilità di qualche giocata in più”.

Ai microfoni di Radio Antenna Febea il tecnico commenta anche le scelte: “La formazione è stata fatta conoscendo le condizioni fisiche dei calciatori. I ragazzi volevano ripartire dai venti minuti finali contro il Rieti e sapevamo che dovevamo dare continuità a quei segnali di intensità mostrati.  L’unica stonata è il gol preso allo scadere, perchè mi rammarica subire gol al 96′. Sarebbe stato più bello vincere 2-0, ma devo fare i complimenti ai ragazzi”.

Davanti c’era un avversario di tutto rispetto: “Più che i demeriti loro ci siano i nostri meriti. Giocano a calcio, hanno un allenatore preparato e che ha idee.  Gli abbiamo messo i bastoni tra le ruote in tutto, anche se nel primo tempo abbiamo sbagliato troppi passaggi. La gara è stata interpretata bene”.

“Eravamo – prosegue – all’inferno al 70′ di domenica scorsa, il calcio fa cambiare il mondo in poco tempo. Abbiamo vinto due partite, dobbiamo mantenere un profilo molto basso e vivere partita dopo partita. Con umiltà e sacrificio possiamo toglierci delle soddisfazioni.  Avremo alti e bassi, adesso siamo in una fase alta e speriamo di mantenerla a lunga”.