Il nuovo corso della Reggina targato famiglia Praticò, dal rientro tra i ‘Pro’ in poi, si è caratterizzato per la presenza in organico di un calciatore che avesse una vena realizzativa predominante.

E’ stato, ad esempio, il caso di Coralli andato oltre la doppia cifra nella stagione 2016-2017  e di Bianchimano che nel 2017-2018 si è fermato a 9, pura vendo saltato tante giornate per problemi fisici.

Sarebbe essenziale per la Reggina trovare uno o due giocatori in grado di assicurargli un bottino di reti analogo a quello citato.

La Reggina di Cevoli, al momento, non si è rivelata una macchina da gol, ma ha trovato due giocatori che vedono la porta più degli altri.

Salvatore Sandomenico ed Edoardo Tassi sono a quota 3.    Soprattutto il centravanti, in proporzione ai minuti giocati, ha segnato abbastanza, l’idea che una sua esplosione possa rappresentare il viatico ad un definitivo salto di qualità della Reggina sembra essere concreta.

A Sandomenico, invece, si chiede di continuare a segnare gol decisivi: al momento ogni sua rete è arrivata in partite che hanno prodotto punti (sette tra Bisceglie, Potenza e Rieti).