Ad un certo lo si è visto persino dribblare un avversario per scongiurare il rischio che un tocco di un compagno potesse essere scambiato per un tocco volontario.

Un po’ di follia, nei portieri, è stata sempre apprezzata, nonostante questa non contribuisca a tenere al sicuro le coronarie dei tifosi.

Tuttavia, Mattia Licastro nel primo tempo di Reggina-Paganese ha salvato la baracca con una grande parata.  Un intervento che vale il riscatto dopo la “paperissima” di cui è stato protagonista con il Rende.

E’ stato il punto più alto di una partita in cui ha dato sicurezza al reparto, ha mostrato grande attenzione sulle palle alte e si è fatto apprezzare dal pubblico.

Alla ripresa del campionato (tra due settimane) tornerà disponibile anche Confente che, nel frattempo, sembrava in una fase di crescita dopo le incertezze iniziali.

Al momento il portiere di proprietà del Chievo Verona,beneficiando anche del suo status di under e quindi della caratteristica di generare introiti grazie al minutaggio, sembra destinato a riprendersi la maglia di numero uno.

Licastro, però, ha dimostrato di essere pronto qualora ci fosse necessità.