La Reggina affronta la Paganese e lo fa con il dovere di fare bottino pieno. A provare a mettere i bastoni tra le ruote agli amaranto ci saranno i campani che, al momento, non hanno vinto neanche una partita.

2 pareggi e sette sconfitte ne fanno la squadra con la media punti peggiore, considerato che il Matera ha otto punti di penalizzazione e la Viterbese non è ancora da prendere in considerazione (ha giocato solo una partita).

Tra le fila campane si registra la presenza di due ex “singolari”.

Il primo è il portiere Alessandro Santopadre che, in estate, era andato in ritiro con gli amaranto. Classe 1998, non appena capì che sarebbe stato la riserva di Confente ha preferito cambiare aria e oggi fa parte degli azzurrostellati.

Figlio del presidente del Perugia, ma di proprietà dell’Atalanta, ha però giocato soltanto una partita subendo due gol, in Coppa Italia. In campionato deve ancora esordire.

Nove presenze e 2 reti, invece, per Salvatore Tazza. L’esterno destro nella passata stagione ha giocato i sei mesi iniziali in amaranto, mettendo insieme solo due presenze da subentrato.

Due “ex” poco “ex”, insomma.