Tra i calciatori che, fino al momento, ha convinto di meno i tifosi della Reggina c’è sicuramente il portiere Confente.

La tifoseria, con buona probabilità, continuerà a far valere il proprio sostegno nei confronti di un calciatore giovane che, solo pochi mesi fa, veniva considerato uno dei migliori talenti a livello nazionale nel ruolo.

Al momento, però, ha mostrato qualche incertezza e anche contro la Virtus Francavilla non è sembrato esente da colpe sul gol subito da Folourunsho, suo coetaneo (classe 1998).

Parlare di papera è esagerato, ma dire che sia apparso un po’ sorpreso  non è sbagliato. Soprattutto sul suo palo.

Il problema di Confente è che l’anno scorso la Reggina ha avuto un portiere che, da solo, ha portato una decina di punti, quanto un grande attaccanti.  Che gol come quelli subiti contro la Virtus Francavilla ne ha presi ben pochi (in realtà proprio con i pugliesi ne subì in cui si fece sorprendere da Saraniti), ma che per portieri medi di Serie C sono quasi normali.

Il ricordo è ancora fresco, pertanto dovrà convivere con la pesante eredità