Uno dei migliori in una stagione che ha regalato poche emozioni, uno status da under e  un contratto fino al 2020.

Sembrava davvero che quella è appena iniziata potesse essere la stagione di Roberto Marino,     Il centrocampista, però, è rimasto in panchina nell’esordio degli amaranto a Trapani.

Una scelta coraggiosa da parte di Cevoli, per il momento non confortata dai risultati del campo, ma che allo stesso tempo certifica come quest’anno la concorrenza sia amplissima.

Il prodotto del settore giovanile del Catania, per il momento, è uno dei tanti, nel senso che rappresenta una scelta preferenziale.  Lo scorso anno, invece, era una delle poche certezze di un organico che aveva pochi picchi di qualità e la sua capacità di coniugare qualità, quantità e capacità di inserimento era merce rara.

Presto avrà la sua occasione e le qualità per rimontare o per scalzare la concorrenza non gli mancano. E chissà che già con il Bisceglie non tocchi di nuovo a lui.