Il calcio è strano. Demiro Pozzebon, solo un paio di stagioni fa, prometteva di farsi “biondo” qualora il suo Messina avesse vinto a Reggio Calabria.  I peloritani persero per 2-0 e quella “minaccia” diventò oggetto di scherno dei sostenitori amaranto.

Pozzebon, però, è diventato tutt’altro che una bandiera del Messina.  E’ passato all’odiato Catania e ha fatto persino gol ai peloritani, si è ripetuto in Serie D stavolta con la maglia di un Bari stellare per la categoria.

I pugliesi, seguiti da quasi 1000 tifosi al San Filippo con tanto di presenza di tifosi della Reggina sugli spalti in virtù di uno storico gemellaggio,  passeggiano nello stadio intitolato a Franco Scoglio.

Floriano, Simeri e Pozzebon firmano una gara senza storia che, per il momento testimonia, come il Messina non sia un avversario credibile per il Bari nella corsa alla vittoria del campionato.