Il patron della Viterbese Camilli non ci sta. Non vuole che la sua Viterbese sia inserita nel girone C dovrebbe trasferte proibitive sotto il profilo chilometrico e logistico, soprattutto in un campionato che avrà diversi turni infrasettimanali.

Oggi sul Corriere dello Sport il proprietario del club laziale dice di non voler fare marcia indietro e di non avere alcuna intenzione di scendere in Serie C.

Fa particolare effetto un passaggio in cui rivela: ‘Le siciliane volevano andare a giocare al nord, ma la Reggina non ha voluto. E chi è la Reggina?’

Lo spostamento nel girone A delle siciliane che si sarebbero mosse sfruttando gli aeroporti avrebbe generato non pochi problemi alle trasferte degli amaranto che avrebbero dovuto rischiare di spingersi fino in Toscana.