La Reggina, finalmente, conosce il nome del suo primo avversario in campionato.  E’ il Trapani, una squadra importante del prossimo girone C, ma che rappresenta il prrimo step di un inizio difficile anche sotto il profilo logistico.

Dando uno sguardo alle prime quattro giornate salta subito all’occhio qualche dato.

Dopo l’impegno con i siciliani si ospiterà il Bisceglie sabato 22, poi si andrà a Viterbo martedì 25 e successivamente si ospiterà il Monopoli sabato 29.

I primi avversari al Granillo rappresentano già una sfida da non sbagliare considerate le loro difficoltà e la necessità di mettersi subito in carreggiata, questo equivarrà ad avere immediatamente pressione indipendentemente da ciò che si farà a Trapani.

Alla terza arriva un viaggio ancor più complicato di quello della Sicilia granata.  A Viterbo, contro un’autentica corazzata, si gioca a metà settimana con tutti i disagi che potrebbero portare pernottamenti, trasferimenti aerei e necessità di essere freschi in vista del sabato quando sullo Stretto giungerà l’ambizioso Monopoli.

Non a caso la Viterbese si è lamentata di essere stata collocata in un girone dove spostarsi per giocare in trasferta dal Lazio è difficile e il discorso, una volta all’anno, può essere esteso agli avversari, con l’aggravante, per la Reggina, di doverci giocare in infrasettimanale.

Ricordando che la Serie C non è la Serie A riguardo alle possibilità di trasferimento e all’abitudine a giocare spesso, sarà importante per Cevoli gestire al meglio le forze dei suoi per essere sempre al massimo.

Partire bene sarà importante, quanto difficile.