Viterbo è la trasferta più lontana per la Reggina e, non a caso, si era parlato di tour de force nel doverla affrontare nel turno infrasettimanale (leggi qui).  La Viterbese, però, non sembra avere alcuna intenzione di iscriversi al campionato.

Il patron Camilli, pur avendo allestito una squadra che punta in alto, minaccia di ritirare la squadra.  Avere l’aeroporto più vicino a 140 km e solo trasferte al Sud, pur avendo altre 15 squadre della Serie C di altro girone nell’arco di 300 km, viene visto come una beffa.

Camilli dice di voler denunciare Gravina che deve prendersi la responsabilità di 43 persone che stanno per perdere il lavoro.