La Reggina 2018-2019 è ancora lontana dal giocare la sua prima gara ufficiale.  Per il momento non si può dare un giudizio attendibile su quelle che sono le idee di Cevoli ed il valore della squadra.

Il protagonista assoluto dell’estate 2018 è sicuramente Massimo Taibi.  I giudizi sono sospesi, perché le tante operazioni portate a termine andranno a valutate a lunga scadenza, con il parametro insindacabile del giudizio del campo sulle scelte tecniche effettuate.

La scena, però, se l’è presa tutta lui.  Sin da quando è arrivato ( a dire il vero anche da prima di essere ufficializzato) si è preso la scena e non l’ha più mollata.

Ha dimostrato di avere idee chiare, la giusta irruenza e  oggi, a metà luglio, la squadra è completa come a Reggio Calabria, di questi tempi, non lo è forse mai stata.

Manca ancora con qualche tassello, ma poca roba rispetto a quanto andava fatto in una rosa ridotta ai minimi termini e con solo 4 giocatori sotto contratto.

E poi c’è la stampa nazionale che, grazie alla sua presenza, dà molto più risalto al  lavoro della società amaranto.  Ci sono Cevoli e i giocatori.   Il primo racconta di essere in constante collegamento con il ds, di fare costantemente le scelte insieme e di essere soddisfattissimo del lavoro svolto.

I giocatori, invece, in larga parte dicono di essere stati convinti da Taibi.

Taibi, per il momento, si è preso le attenzioni,  si augura però che a giugno a essere diventate protagoniste ( in senso positive) siano state le sue scelte.