Nuovo bando per il marchio della Reggina Calcio e per la concessione annuale del centro sportivo S.Agata.

Attraverso una comunicazione ufficiale la curatela fallimentare della vecchia società ha fatto sapere di aver disposto una riduzione del 25% del canone che che la Reggina 1914 pagava (circa 120.000 euro annui).

Il soggetto maggiormente interessato è naturalmente la società di Mimmo Praticò che, invece, non aveva partecipato alla vendita del pacchetto, giudicato troppo oneroso.

La sensazione è che anche l’anno prossimo la Reggina resterà al S.Agata.  Attenzione, però, se dovessero pervenire offerte superiori esiste l’ipotetico rischio che ad entrare in possesso della struttura, ma a più livelli sembra esserci convergenza nell’idea che quella debba essere la naturale casa degli amaranto.

Tra l’altro, scorrendo il testo, si nota come il Sindaco Falcomatà abbia chiesto a chiunque dovesse aggiudicarsi la gestione del centro di riservare almeno un campo e uno spogliatoio, a titolo oneroso, alla massima espressione calcistica cittadina.

Ecco il comunicato ufficiale con le cifre e i dettagli:

 

 

 

I sottoscritti Dott. Massimo Giordano e Dott. Fabrizio Condemi, nella qualità di curatori fallimentari, giusta provvedimento autorizzativo del G.D. dott. Giuseppe Campagna – Tribunale Fallimentare di Reggio Calabria -comunicano di voler concedere in fitto l’azienda o ramo d’azienda, facenticapo al Fallimento della REGGINA CALCIO SPA (RF 10/2016) per la stagione sportiva 2018/19 (scadenza al 30/06/2019), stabilendo un canone minimo di locazione, ribassato del 25% sul valore periziato.

L’importo di € 81.000,00 scaturente da tale ribasso (ferme restando le riserve allo stato esistenti in ordine a taluni beni oggetto di procedimento giudiziario/amministrativo), individuato come canone annuo minimo di locazione, sarà così composto:

➢ Canone di € 65.000,00/anno riferito ai beni materiali dell’azienda Reggina Calcio SPA inventariati;

➢ Canone di € 16.000,00/anno riferito al Marchio storico della Reggina Calcio SPA e a tutti i beni immateriali inventariati.

Gli interessati potranno formulare le proprie offerte per entrambe le voci congiuntamente (fitto d’azienda)o per una delle due(fitto di ramo d’azienda), proponendo eventuali rialzi sulle voci per le quali verranno effettuate le offerte, anche non proporzionali tra loro.

3. Si evidenzia che, ai fini della valutazione della miglior offerta, oltre al canone annuo offerto e oltre a quanto stabilito all’art.104-bis, comma

2, L.F. si terrà conto di quanto espressamente prescritto dal G.D. nel succitato provvedimento emesso circa la serietà e affidabilità dei singoli offerenti. In caso di più offerte di pari valore relative alla stessa voce, gli offerenti saranno invitati ad una gara, da tenersi davanti al G.D., con offerte in aumento non inferiori ad € 2.000,00; nel caso in cui nessuno degli offerenti intenda partecipare alla gara, verrà aggiudicata all’offerente che ha depositata per prima la propria offerta.

4. Infine, come da esplicita indicazione contenuta nel provvedimento del 13/06/2018 del G.D. che fa seguito all’ invito proveniente dal Sindaco della Città Metropolitana di Reggio Calabria di valutare l’ipotesi di poter mettere a disposizione della maggiore espressione calcistica cittadina almeno un campo in erba naturale ed uno spogliatoio del centro sportivo Sant’Agata, anche a titolo oneroso, verrà tenuto in considerazione l’eventuale esplicito impegno da parte del proponente, di soddisfare tale esigenza sociale, per la durata del campionato di calcio 2018/19.

5. Se l’aggiudicatario del fitto che ha offerto per entrambe le voci (fitto intera azienda fallita), diverrà l’aggiudicatario della cessione definitiva dell’azienda a seguito di un futuro bando congiunto alla Città Metropolitanadi Reggio Calabriaper l’assegnazione definitiva dell’aziendae per la concessione dell’area denominata “Centro Sportivo Sant’Agata”, l’importo di fitto per la stagione 2018/2019 di cui alla presente evidenza pubblica, maturato e pagato alla data di aggiudicazione del citato bando di cessione definitiva, verrà considerato come acconto sul prezzo di cessione definitiva dell’azienda Reggina Calcio SPA.

6. Le offerte potranno essere inoltrate su carta libera esclusivamente sulla pec del fallimento (f10.2016reggiocalabria@ pecfallimenti.it) entro e non oltre domenica 24giugno 2018 alle ore 12:00, non verranno tenute in considerazione le istanze sprovviste di: • Curriculum vitae dei soggetti proponenti (e dei loro rappresentanti legali se trattasi di società, associazioni, ecc.); • Dichiarazione Sostitutiva dell’atto di Notorietà rilasciata ai sensi del DPR 445/2000 circa la capacità del soggetto proponente (o di suoi garanti) di essere in grado di fornire, in caso di aggiudicazione, fidejussione bancaria per l’importo offerto e aggiudicato entro la data di stipula del contratto di fittoche sarà decisa dalla curatela e comunque entro e non oltre giorni 10 dalla avvenuta aggiudicazione, decretata dal G.D. 7. I curatori fallimentari suddetti saranno a disposizione per ogni eventuale informazione e chiarimento presso i loro studi (via Giudecca n. l/A e n.31 – Reggio Calabria) o telefonicamente (0965/896586 – 0965/817757