Quando arrivi sul tetto del mondo persino chi racconta il calcio a livello internazionale tende a dimenticare da dove tutto é iniziato per Andrea Pirlo.

Da Brescia prima e da Reggio Calabria.

Non lo ha certo dimenticato lui che, in occasione del suo addio al calcio, ha messo in mezzo al campo un bambino con la maglia della Reggina e ha invitato Lillo Foti tra gli ospiti d’onore.

Intervistato da Alessandro Alckato, nello speciale a lui dedicato, ha raccontato di Reggio: “Avevo scelto la Reggina solo perché avevo voglia di giocare. Mi chiamò Baronio per convincermi dicendo che c’era una buona squadra e una bella città ad attendermi. Era il primo anno in A dei amaranto e fu un’annata bellissima. Ci salvammo con 3-4 giornate d’anticipo. É stata la scelta giusta”.