L’Akragas, fresca di mesta retrocessione in Serie D, potrebbe avere un futuro meno buio di quanto pronosticabile.

I siciliani hanno chiuso a 0 punti, in virtù di una stagione fallimentare e caratterizzata da seri problemi economici che hanno portato a tantissimi punti di penalizzazione.

Adesso però il club sta per finire nelle mani di una cordata mediorientale che vuole partecipare al bando per il ripescaggio con tanto di versamento a fondo perduto ad ottenerlo e si impegna ad onorare tutte le pendenze.

Mancano solo le firme per un accordo già chiuso.

Non corrispondono a realtà, invece, le voci secondo cui si sarebbe potuto trattare della stessa cordata di imprenditori che, per mezzo di due intermediari, aveva provato a stringere contatti con la famiglia Praticò.

Gli iraniani che stanno acquistando l’Akragas avevano imbastito il discorso ben prima che ci conoscesse di quell’interessamento, evaporato nel nulla, per la società amaranto.