“Quello con l’Akragas è un play out. Dobbiamo vincere anche in casa dopo averlo fatto in trasferta. L’avversario non ci regalerà nulla”.

Agenore Maurizi invita i suoi giocatori a non abbassare la guardia in vista della sfida contro  i già retrocessi siciliani: ‘Le voci sul cambio societario non ci condizionano, perché noi lavoriamo solo sull’aspetto tecnico’.

E poi spazio al capitolo formazione: “Tanti calciatori di questa squadra sono obbligati a trovare risultati, perché tanti sono senza contratto. Loro devono guadagnarsi da vivere  perchè non hanno  accordi per la prossima stagione ed è a loro che mi affiderò”.

“Questa squadra – rivendica Maurizi – ha preso solo 13 gol nel girone di ritorno, di cui 3 con il Rende.  Laezza, Ferrani e Pasqualoni sono giocatori di altra categoria e lo dicono i numeri. Spesso ho sentito critiche nei loro confronti”.