A Pagani non credono più ad una rimonta sulla Reggina e preferiscono pensare all’ipotesi di riuscire a distanziare il Fondi di otto punti per evitare i play out.

Motivo? Quattro punti (cinque, considerando lo scontro diretto) da recuperare sugli amaranto a tre turni dal termine sembrano davvero tanti.

Gli amaranto , prima della gara di Bisceglie, sapevano che per l’aritmetica salvezza avrebbero  dovuto conquistare otto punti.

La situazione adesso è cambiata, dato che ne occorrono solo cinque.

E con all’orizzonte la sfida con il fanalini di coda Akragas, retrocesso da diverse settimane,  pur non potendosi concedere cali di tensione, si ha l’impressione che la missione non è poi così impossibile. Tanto per usare un eufemismo.ù

 

 

 

 

 

 

 

E attenzione basterà che la Paganese non vinca una delle tre partite che gli mancano (tra due settimane andrà in casa del Lecce capolista e chiamato a vincere per restare primo o ottenere la promozione matematica) affinché sia sufficiente battere i siciliani per chiudere i conti.

Va ricordato che gli amaranto, come probabilmente la Fidelis Andria, beneficeranno del fatto che avere più di 8 punti sull’ultimo posto cancella uno dei due play out e decreta la retrocessione diretta di chi sta in fondo.