Non arriveranno nomi prima che le cose siano fatte.  Ma le indiscrezioni rivelano che si tratta di un gruppo  internazionale con sede a Roma e anche con  investitori italiani.

Stavolta non ci sono fantasmi, perchè a metterci la faccia è il Sindaco Falcomatà.

Nei giorni scorsi vi abbiamo informato di un incontro tra il Primo Cittadino e degli intermediari (leggi qui).    Falcomatà dovrebbe aver subito informato la famiglia Praticò dell’incontro esplorativo con cui l’eventuale nuova proprietà ha voluto capire come stanno le cose.

La revoca dell’affiliazione della Reggina Calcio avvicina il buon esito di una trattativa che deve ancora partire, ma cancella la possibilità che qualcuno un giorno possa mettere in dubbio l’autenticità dell’attuale Reggina.

In mano al Tribunale Fallimentare resta la concessione del S.Agata fino al 2027, ragion per cui la cordata ha voluto ascoltare la voce di Falcomatà sul destino della struttura.

Presto, secondo quanto riporta la Gazzetta del Sud, ci sarà un incontro tra Praticò e il giudice Campagna per chiarire l’attuale situazione relativa a pendenze dell’attuale società verso l’Ente giudiziario.

Poi sarà il momento di capire quando gli intermediari si siederanno al tavolo con gli attuali proprietari della Reggina per avviare la trattativa e chiederanno di avere accesso ai bilanci.

Reggio Calabria è con il fiato sospeso.

Falcomatà, sulle colonne del giornale. ha inoltre sottolineato come adesso occorra stare tutti uniti per raggiungere la salvezza (base di partenza fondamentale per un eventuale rilancio)  e come non c’è da mettere in discussione l’apporto dato dall’attuale proprietà alla storia e al presente amaranto.