La Reggina, entro fine gennaio, deve divincolarsi di tanti calciatori che non rientrano nei piani. Innanzi tutto perchè il loro stipendio grava sulle casse societarie e anche perché tenere ai margini calciatori di un certo spessore tecnico può rivelarsi un vero e proprio effetto boomerang.

Era il 4 gennaio (leggi qui) e si credeva che il Brescia che stava valutando la possibilità di tesserarlo a parametro zero potesse tesserarlo dopo aver ceduto un altro ex Reggina, Dall’Oglio, al Catania.

Seppur si trattasse di calciatori con caratteristiche diverse, si trattava di un incastro necessario affinché le rondinelle eventualmente non occupassero una casella da over nelle rose bloccate di Serie B.

Adesso il trasferimento del centrocampista in Sicilia sembra essere saltato per volere del nuovo tecnico del Brescia Boscaglia.

E, come riportato,  nel frattempo il destino più probabile per l’ormai ex capitano della Reggina sembra essere quello che lo vedrebbe approdare a giugno a Salerno con un parcheggio di sei mesi in altro girone di Serie C(Sambenedettese).