Sergio Volpi a parte, quella dei bresciani a Reggio Calabria è una storia tutta da raccontare.   Come quella di Roberto Baronio,  di Andrea Pirlo, in parte del prodotto del settore giovanile delle Rondinelle Emiliano Bonazzoli e quella di Aimo Diana.

Solo sei mesi per lui in riva allo Stretto. Quelli che sono bastati per entrare nella storia, come uno dei protagonisti dello storico spareggio di Bergamo.

E’ lui, bresciano,  a servire il pallone ad Emiliano Bonazzoli per il gol del 2-1 in casa della Dea, retrocessa in B ad opera degli amaranto.

Fu il coronamento di una grande stagione per il calciatore che, adesso, torna a Reggio da allenator ee  da avversario e sulla panchina della Sicula Leonzio.

Era già successo con il Melfi. Altre categorie, altre dimensioni.

Da giocatore ha già fatto gol, senza esultare, al Granillo con la maglia della Sampdoria.