Le amnesie difensive sono purtroppo una costante in questa prima parte di stagione per la Reggina. I gol subìti in questo percorso ne sono una testimonianza ma soprattutto le dinamiche, insieme a tutte quelle volte in cui gli avversari hanno trovato davanti enormi praterie su ripartenze che la squadra ha concesso.

Il reparto difensivo aveva trovato in qualche modo una quadratura nel momento in cui il tecnico Maurizi in pianta stabile aveva disposto la sua linea a quattro con Pasqualoni, Laezza, Di Filippo e Solerio, pur rimanendo qualche sbavatura. E non può essere un caso che la squalifica proprio di Laezza fuori per due giornate, sia coincisa con una doppia sconfitta per gli amaranto e ben cinque le reti subìte.