La Reggina va a Monopoli con l’intento di conquistare un altro risultato positivo dopo la vittoria contro la Fidelis Andria che ha interrotto la serie di due partite consecutive.

Agenore Maurizi, nella consueta stampa pre-partita, si sofferma su diversi argomenti.

Reggina-Fidelis Andria, un passo indietro

“Non era facile  – rivela Maurizi – giocare quella gara sotto il profilo psicologico.  Siamo stati bravi a non subire ed anche fortunati. Abbiamo fatto nostra una vittoria importante e ci deve dare fiducia per il prosieguo del campionato, dove non dovremo farci condizionare dai risultati che spesso possono essere frutti di episodi. Dobbiamo pensare alla quotidianità, al lavoro in allenamento e a come ci esprimiamo”.

De Francesco: tre ruoli. Laezza: due

“Per me Alberto può giocare in tre ruoli diversi.  Lo colloco dove lo ritengo più funzionale, giocando più dietro avremmo meno solidità. Laezza non ha problemi ad agire da terzino destro o da centrale”.

Avversari che tartassano gli amaranto

“Mi era sembrato, al di là delle statistiche, che soprattutto le squadre più esperte non si fanno problemi ad entrare duramente o a fermare le nostre ripartenze. Si vede che il metodo arbitrale lo consente e noi dovremo adeguarci, evitando di essere molli”.

 

Monopoli – Reggina, avversario insidioso

“Il nostro obiettivo è essere sempre propositivi. Di fronte possiamo anche trovare una controparte che ce lo impedisce.  Fanno dell’aggressività e della compattezza la loro forte. Hanno calciatori di categoria e sono una squadra unita. Stanno molto bene in campo e i numeri dicono questi. Giocheremo sempre con due punte, solo a Trapani lo abbiamo  evitato perchè non avevamo attaccanti a sufficienza. Possiamo fare bene”.