Qualche giorno fa scrivevamo di una Reggina De Francesco dipendente. Sono state le prestazioni del capitano amaranto ed i conseguenti risultati a fornire un dato che appare fino a questo momento abbastanza evidente.

Un inizio di stagione il suo di altissimo livello, tre ruoli cambiati ma sempre dentro il rombo di centrocampo costruito e voluto dal tecnico Maurizi, poi l’individuazione da parte degli avversari dell’uomo migliore della Reggina e quelle marcature strette e forsennate che nelle ultime due gare ne hanno frenato le prestazioni, insieme ad un calo vistoso dell’intero complesso.

Da qualche settimana è stato collocato alle spalle delle punte, in occasione della trasferta di Trapani dietro l’unico attaccante Sparacello. Per quella che sarà la sfida di sabato pomeriggio con l’Andria, mister Maurizi recupera Tulissi e Bianchimano e per tale motivo c’è parecchia curiosità per capire dove Alberto De Francesco verrà collocato. Sarebbe naturale il ritorno al ruolo di mezzala sinistra, anche se andrebbe preso in considerazione l’attuale rendimento non proprio esaltante di Mezavilla davanti alla difesa, zona di campo dove lo stesso De Francesco ha fatto vedere le cose migliori.

Il dato certo è che rimane comunque il punto fermo di questa Reggina, a prescindere dalla sua collocazione. Oggi il numero dieci festeggia il suo 23° compleanno ed a lui vanno i nostri più sinceri auguri.

M.F.