La conferenza stampa del pre-partita aiuterà a chiarire diversi dubbi, ma non manca una certa curiosità nel capire cosa la Reggina stia preparando tra le mura del S.Agata in vista della trasferta contro il Racing Fondi, in programma sabato alle ore 14.30.

Reggina: l’asse di sinistra

Fino al momento la squadra dello Stretto si è fatta apprezzare per la quantità di soluzioni sia nella proposta offensiva che sui calci piazzati.

Facile credere che il tecnico stia studiando qualcosa di nuovo e che vuole tenere lontano da occhi indiscreti

Gran parte della qualità, tuttavia, risiede in quello che può essere ribattezzato l’asse mancino visto contro il Matera. Solerio, Porcino e De Francesco rappresentano un’arma non indifferente, anche per la capacità che ciascuno ha di scambiarsi i ruoli con l’altro.

Il Matera, soprattutto nel primo tempo, ci ha capito poco.  Più volte si è visto Porcino andare dietro le punte o allinearsi alla prima linea, De Francesco partire da trequartista e andare a prendersi il pallone bassissimo o addirittura andare a coprire le scorribande di Solerio, rimasto un po’ in disparte fino a una settimana fa.

Tre calciatori di qualità che poche squadre del livello degli amaranto hanno ed anche a Fondi ci si augura che da quel lato si possano vedere cose egregie.

Reggina: senza Tulissi

La vera preoccupazione per la Reggina è capire se davvero Tulissi, come pare, darà forfait.  L’assenza del trequartista scuola Atalanta, abbinata a quella nota di Di Livio per squalifica aprirebbe ad un nuovo utilizzo di De Francesco sulla trequarti, almeno in partenza.

Da capire chi affiancherà Sciamanna in attacco, difficile il recupero di Bianchimano.

Bezziccheri, Sparacello e Silenzi si contendono una maglia.