“Ad oggi non si registra alcuna novità. I confronti con il DG Martino sono quotidiani, non c’è necessità di fissare un appuntamento per discutere del tecnico e dei giocatori, lo facciamo ogni giorno. Nessuna novità neppure sul fronte nuovi soci, per quello che mi riguarda faremo quello che sarà possibile qualora le cose restassero così”. Poche parole quelle del presidente Praticò, null’altro da aggiungere se non il desiderio continuo di poter dare maggiore forza a questa società per evitare il riproporsi di difficoltà già incontrate nel corso della stagione che da poco si è conclusa. Non si va oltre gli approcci, nonostante la società possa essere maggiormente appetibile rispetto al passato per una serie di motivi. Primo su tutti la certezza di partecipare anche per il prossimo campionato alla Lega Pro, con un buon parco calciatori e nessun debito. Cosa quest’ultima non di poco conto visto quello che succede un po’ ovunque e basterebbe guardarsi intorno per rendersene conto. Eppure, nonostante sondaggi vari e massima disponibilità ancora nulla si muove. Ed è chiaro che con alcuni soci di minoranza che hanno manifestato sofferenza e difficoltà nel mantenere l’impegno riguardo l’aumento di capitale, non è difficile pensare che una situazione come quella attuale non sarebbe l’ideale per una importante programmazione. Non è stata del tutto abbandonata l’idea di un’azionariato popolare e forse nei prossimi giorni qualche novità in questo senso o di altro potrebbe venire fuori, ma nulla di confermato. Intanto il DG prosegue il suo lavoro fatto di colloqui e confronti. Con Zeman nulla ancora di definito, per quello che riguarda l’organico lo stesso Martino non ha mai nascosto il desiderio di poter confermare quegli elementi capaci di creare lo zoccolo duro attorno al quale aggiungere poi i tasselli mancanti. Gianola e Coralli si sono già sbilanciati dichiarando apertamente di voler proseguire la propria avventura in maglia amaranto, con Sala si continua a discutere con la Ternana, Kosnic inizialmente aveva chiesto di poter riflettere prima di decidere, ma parliamo di qualche settimana addietro, prima del gol salvezza.