“Non siamo pronti per queste partite”. Sono quasi passata sotto traccia le parole di Giovanni Stroppa a commento della sconfitta subita dal Crotone in casa ad opera dell’Hellas Verona.

Parole pesanti, perché in un certo senso delegittimano quelle che sono le ambizioni di una società e di una tifoseria intera. A livello calcistico la piazza pitagorica, pur restando umile, ha cambiato dimensione e ha tutto il diritto di aspettarsi che i suoi giochino alla pari con l’Hellas Verona.

Non è dato sapere dove vogliano andare a parare le dichiarazioni del tecnico. Potrebbe essersi trattato di uno stratagemma per mettere le mani avanti e forse sottolineare che questo gruppo non è così forte come tanti (forse giustamente si immaginano). Un tentativo per fare un bagno d’umiltà o forse una punzecchiatura alla squadra con l’idea di poter muovere qualcosa a livello d’orgoglio.

Quel che è certo è che non è accettabile che un Crotone che punta in alto si trovi a non essere pronto ad uno scontro diretto alla quarta giornata.