Il Crotone dopo aver dimostrato di essere una potenziale certezza ad alto livello per il prossimo campionato di Serie B continua a lavorare su due fronti.

Il primo è quello che riguarda la squadra, Giovanni Stroppa e l’area sportiva del club.  C’è la voglia di creare una squadra che, in Serie B, possa fare la voce grossa.  I primi riscontri dati dal campo, con le dichiarazioni di avversari come Lucarelli a corredo, danno l’idea che il club pitagorico davvero possa essere protagonista nella seconda serie del calcio nazionale.

Sono destinati ad arrivare altri pezzi importanti per la rosa, ma la novità che alcuni gioielli potrebbero a sorpresa restare in Calabria.  Tra questi c’è il centravanti Simy che sembrava destinato a muoversi verso un campionato di primo livello in Italia o in Europa

Gli ultimi rumors, invece, raccontano che il Crotone lo voglia trattenere per avere una freccia di grande qualità al proprio arco offensivo.

Il lato organizzativo, invece, si preoccupa di capire quanti margini ci sono per giocare il prossimo campionato in Serie A. La quesitone fideiussioni Chievo non è andata giù e in casa pitagorica ci si sente defraudati.

Per questo si è chiesto l’ammissione in soprannumero al campionato di massima serie.  La comunicazione è stata inviata a Coni, Figc, Lega di A e B facendo appello ad alcune recenti modifiche delle Noif.  Le speranze non sono molte, ma la determinazione del Crotone c’è.